Canyoning in Italia

In questo articolo parleremo di percorsi canyoning in Italia, nello specifico parleremo di sette percorsi, mettendo in evidenza le informazioni più utili ed interessanti per voi.

Innanzi tutto per chi non lo sapesse;

Il Canyoning, è uno sport acquatico, in cosa consiste? Si tratta di discese di strette gole o appunto canyon, percorsi da piccoli corsi d’acqua, nello specifico la maggior parte delle volte sono torrenti con una buona portata d’acqua. Quello che lo differenza da altri sport acquatici è che si percorrono i canyon o gole a piedi, senza l’ausilio di gommone o altri mezzi acquatici.

L’ambiente in cui si svolge è per definizione di natura inospitale, un percorso tipico si svolge passando all’interno di canyon profondi e scavati nella roccia, con generalmente molta pendenza, gli ostacoli che si trovano durante i percorsi, di solito sono: Cascate, salti da una roccia all’altra, corridoi a volte stretti, ed allagati, scivoli e laghetti.

E’ uno sport di gruppo e solitamente i gruppi sono formati da un minimo di quattro ad un massimo di otto persone. Può sembrare uno sport estremo, ma non lo è necessariamente, infatti ci sono percorsi di varie difficoltà a seconda dell’esperienza.

Cosa serve per fare Canyoning?

Generalmente se vi affidate a degli esperti che organizzano percorsi, tranne le scarpe da ginnastica per entrare in acqua, costume da bagno e asciugamano per asciugarvi una volta usciti, vi forniranno tutto loro, ma, se non dovesse essere così ecco cosa vi servirà:

Il Casco, molto importante, Muta in neoprene, imbragatura cosciale e moschettoni, corde fatte a posta semi statiche, che affondano più lentamente, il discensore, che permette la discesa con la corda, scarpe specifiche o scarponcini da escursionismo, Uno zaino apposta per il Canyoning, Guanti, opzionale e facoltativo è il giubbotto salvagente.

Ora che sapete cosa è il Canyoning e vi siete appassionati a questo sport o se già lo siete, ecco una guida sui percorsi Canyoning di Italia più belli e  divertenti.

I Percorsi di Canyoning più divertenti d’Italia

Il primo che vedremo si trova in Calabria ed è il Percorso delle Gole del Raganello.

E’ un percorso davvero unico ed emozionante, è diviso convenzionalmente in 3 parti ben distinte che sono:

Le Gole Basse 

Come dice già il nome, è il tratto più basso del Raganello, è un percorso che si sviluppa in linea orizzontale, quindi non ci sono pendenze, ma non pensate che siano le più noiose perché infatti, sono considerate le più acquose, in oltre questo percorso possiede molte rocce, grotte e cascate che rendono l’esperienza unica e davvero indimenticabile. La partenza è dal Ponte del Diavolo a Civita, da dove si partirà addentrandosi nelle gole, vedrete immense pareti di rocce millenarie, che si estendono per oltre quattrocento metri di altezza. In alcuni punti si distanziano tra loro di pochi metri, ed è proprio in questi punti che percorrerete Le Gole Basse, la sensazione che percepirete sarà quella di essere protetti da quelle rocce. Un emozione indescrivibile che potrete provare sulla vostra pelle, e che vi lascerà la voglia di tornare.

E’ un percorso breve, che non richiede grandi capacità, è un percorso affascinante per chi vuole fare anche per la prima volta Canyoning, perché non difficile da percorrere, infatti l’età minima è di nove anni e la durata è di due ore e mezza.

Le Gole Basse percorso lungo 

Tutto inizia accedendo al canyon, percorrendo il panoramico sentiero degli Oleandri, che giunge poi al torrente per arrivare al Ponte del Diavolo, inglobando a se parte del percorso delle Gole Basse, ci si immergerà spesso nel torrente e potrete assistere ai giochi di spruzzi d’acqua che animano il parco.

Vedrete molte cascate, immense che arrivano anche a sei metri di altezza, e rimarrete affascinati osservando le planate dei Grifoni, con la loro apertura alare di due metri, sarete a pochi passi da dove nidificano e vivrete emozioni uniche.

Questo anche se dal nome può sembrare uguale è il percorso più lungo, è un percorso intermedio, posto a metà tra le Gole alte e quelle Basse, questo percorso è di difficoltà medio alta, non è quindi adatto ai principianti e a chi non è allenato, in quanto sono presenti difficoltà tecniche da affrontare durante tutto il percorso. E’ un percorso faticoso e lungo, che vi regalerà tante soddisfazioni ed emozioni che non scorderete facilmente, un percorso quindi all’insegna del brivido e dell’emozione.

E’ un percorso della durata di tre ore e mezza, e l’età minima qui è di 14 anni.

Le Gole Alte

O Gole di Barile, formano il tratto del canyon più alto, è molto di interesse sotto il punto di vista naturalistico ed escursionistico. Forse le più rappresentative in quanto collocate proprio nel cuore del parco.

Questo percorso parte d a San Lorenzo Bellizzi, dove la Timpa di Cassano e la Timpa di San Lorenzo sembrano quasi scontrarsi, a formare una spaccatura cioè il Canyon di Raganello.

Proseguendo poi il percorso si va in salita, verso il torrente, in uno scenario fantastico di cascate, scivoli e di tunnel scavati nella roccia.

Si prosegue verso il punto dove si apre una sorgente naturale, dove d’obbligo è la sosta sul masso delle rudiste, dove vi sarà possibile godere dell’immensa bellezza che vi circonda, proseguendo godrete dello spettacolare gioco di colori delle rocce, fino a arrivare ad una bellissima piscina naturale, profonda e molto grande, con acqua trasparente e freschissima, in cui vi sarà possibile tuffarvi e nuotare, godendo anche dell’idromassaggio naturale, regalatovi dalle cascate.

Anche il ritorno sarà altrettanto affascinante e pieno di emozioni, che pur essendo lo stesso, vi darà la possibilità di vederlo con un’altra luce e quindi un’altra prospettiva.

E’ un percorso della durata di tre ore e l’età minima è di dodici anni.

Un altro percorso di Canyoning in Italia 

Il secondo è un percorso di canyoning sul Lago di Garda, anch’esso molto unico e molto emozionante. La zona del Lago di Garda in Trentino è molto famosa per i percorsi di canyoning.

Quello di cui vi parleremo è il percorso Palvico

Caratterizzato da pareti verticali, giochi di luci ed ombre che affascinano e da una calata da togliere il fiato, è un percorso che scende verso Storo.

Questo è un canyon che vi sorprenderà, perché all’inizio non molto impegnativo, ma dopo un aumentare di scivoli e di salti tra le cascate e piscine naturali, passerete poi in grotta, e verrete calati giù di una cascata alta cinquanta metri. Questo è uno dei percorsi più affascinanti del nord Italia, perché con tutte le sue caratteristiche e le difficoltà che arrivano man mano, lo rendono un percorso emozionante e pieno di avventura. Sia che siate principiante che esperti Canyoining.

Il percorso dura quattro ore.

Un altro percorso sul Lago di Garda è il Rio Nero Lungo

Un percorso che scende da Tremalzo, decisamente non per deboli di cuore, e nemmeno per i più esperti, infatti questo percorso mette persino loro alla prova.

Questo percorso è caratterizzato principalmente da una discesa, la discesa appunto del Rio Nero, dovrete affrontare ventisei salti, che tra scivoli e calate richiede molta consapevolezza e tanta capacità. Il suo nome non è stato scelto a caso infatti, calarsi nel rio nero è come entrare in un enorme buco senza fondo, con pareti ripide con molta vegetazione, in oltre vedrete come l’acqua si scava il suo letto con il passare dei millenni, il paesaggio al suo interno è molto fiabesco. Se siete amanti dei rischi e volete sempre mettervi alla prova questo è il percorso giusto per voi.

La durata del percorso è di sei- sette ore.

La Forra del Casco 

Questo percorso si trova in Umbria, questo è un percorso tra i più facili percorsi di Canyoning in Italia ma allo stesso tempo emozionanti e divertenti, si trova nei pressi di Ceselli, nella Valnerina.

Quello che contraddistingue questo percorso è la costante presenza di acqua, è un percorso molto vario composto da ben dodici cascate, di cui una alta trenta metri. Questo percorso è un susseguirsi di divertimenti e acqua, di difficoltà media. La durata di questo percorso non supera le tre ore.

Il Fosso di Riancoli

Questo è uno dei percorsi di Canyoning più frequentati del Lazio.

Anche qui una difficoltà media, è caratterizzato dalla presenza di grandi vasche d’acqua che vanno attraversate a nuoto, questa caratteristica lo rende adatto solo a chi sa nuotare.

Più precisamente si trova all’interno della Riserva Naturale Regionale dei Monti Navegna e Cervia, è un percorso che si sviluppa su una lunghezza di due chilometri.

La durata del percorso è di due ore e mezza, l’età minima va dai 14 ai 16 anni.

La Forra del torrente Callora

Si trova in Molise, anch’esso abbastanza facile, con abbondante acqua, con presenza durante il percorso di numerosi tuffi e enormi vasche d’acqua da attraversare. Durante il percorso potrete ammirare tantissime cose, come il nuovissimo ponte tibetano, che potrete attraversare per ammirare il panorama dall’alto.

E’ abbastanza semplice, ma da non sottovalutare.

La sua durata è di due ore e mezza e l’età minima è di diciotto anni.

Il Fosso di Rocca Gelli

Questo percorso si trova in provincia di Perugia.

E’ un percorso molto indicato specialmente per i neofiti di canyoning, anche se sono presenti pezzi di percorso dove ci si dovrà calare con la corda, è questo il percorso in se, molto breve ma molto emozionante, l’ideale come inizio. La sua lunghezza e di 330 metri e la durata e di due ore, l’età minima è di quattrodici anni.

Questi erano i sette percorsi di Canyoning in Italia più divertenti ed emozionanti, se vi hanno incuriosito e fatto appassionare andate a provarli voi stessi non ve ne pentirete e vivrete emozioni uniche e indimenticabili.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin